L'aziendaArea DocumentaleApprofondimentiNovitàFaqContatti
Copyr igene ambientale Copyr igene ambientale
Copyr PCO | Portale dedicato alla disinfestazione

CAMPUS Copyr: Approfondimenti

Una sezione dedicata ad approfondimenti sugli infestanti più
diffusi negli ambienti pubblici e privati.
I contenuti sono realizzati in collaborazione con il DI.PRO.VE.S.
(Dipartimento di scienze delle Produzioni Vegetali e
Sostenibili) - Area Protezione Sostenibile delle Piante e
degli Alimenti dell'Università Cattolica del Sacro Cuore
di Piacenza.

Una sezione in cui potrai trovare informazioni utili sul tema
dell’igiene ambientale e dedicata ad approfondimenti sulle
tecniche migliori per affrontare gli infestanti più diffusi
negli ambienti pubblici e privati.

Approfondimenti ::: Parchi e Giardini pubblici ::: Il tarlo asiatico

21 Lug

Il tarlo asiatico

Il tarlo asiatico

Anoplophora chinensis, specie nota in Italia con il nome comune tarlo asiatico, è un coleottero cerambicide originario dell’Asia orientale, introdotto accidentalmente in Europa e rinvenuto in Italia per la prima volta nel 2000 in provincia di Milano.
Si sviluppa a spese di piante latifoglie ornamentali e forestali ed è particolarmente temuto in ambito urbano. E’ una specie polifaga che, nell’areale d’origine danneggia un numero molto elevato di piante ad esempio dei generi Acer, Populus, Ulmus, Salix.
In Italia le piante attaccate dal tarlo asiatico sono numerosissime: oltre ai generi già citati la specie è stata rinvenuta su alberi di ippocastano, ontani, betulla, faggio, carpino, platano, agrumi, pomacee, corniolo, nocciolo, biancospino e addirittura rosa e lauroceraso.
Nel 2007 è stata rinvenuta in Italia anche la specie Anoplophora glabripennis.
Anoplophora chinensis è arrivata nel nostro Paese su alberi vivi, invece A. glabripennis è stata rinvenuta in materiali da imballaggio di legno provenienti dalla Cina.
Entrambe le specie sono considerate dalla legislazione europea da quarantena; essendo polifaghe presentano un forte potenziale di diffusione che rende la lotta piuttosto difficoltosa.
I Servizi Fitosanitari Regionali monitorano le infestazioni e sono messi in atto programmi di eradicazione per evitarne l’insediamento e la diffusione. È fondamentale che tutti i cittadini facciano attenzione alle piante sia del verde pubblico sia privato in modo da individuare tempestivamente le piante infestate e segnalarle ai Servizi Fitosanitari di competenza.
Il contenimento viene attuato mediante opportuna eliminazione delle piante colpite.
Fino al 2011, per quanto riguarda A. chinensis, il programma di eradicazione ha visto la distruzione di circa 18.000 piante colpite con una spesa che si aggira intorno ai 12 milioni di euro, a dimostrazione di quanto siano dannose e onerose queste introduzioni di specie aliene nei nostri territori.

è stato utile?

Si
No
Grazie per per aver lasciato un feedback.
Hoops! riprova in un secondo momento.

Potrebbero interessarti anche

04 Dic Gli insetti e la loro adattabilità alle nuove costruzioni e ai nuovi modi di costruire 18 Mar Lotta larvicida con bacillus 31 Mag Le arvicole
Copyr PCO | Portale dedicato alla disinfestazione

Richiedi
l'intervento
di un
operatore
abilitato

Se non sei ancora seguito da
un'azienda specializzata, segnalaci il
problema e ti metteremo in contatto
con un professionista e/o rivenditore abilitato.

 

segnala un problema

Copyr PCO | Portale dedicato alla disinfestazione

Iscriviti alla
newsletter

Complimenti!
registrazione effettuata con successo.
Riceverà un email di conferma al sui indirizzo di posta elettronica.
Hoops!
Si sono verificati dei problemi durante la registrazione.
Riprova in un secondo momento!

Se il problema persiste invia un email a copyrpco@copyr.it