L'aziendaArea DocumentaleApprofondimentiNovitàFaqContatti
Copyr igene ambientale Copyr igene ambientale
Copyr PCO | Portale dedicato alla disinfestazione

CAMPUS Copyr: Approfondimenti

Una sezione dedicata ad approfondimenti sugli infestanti più
diffusi negli ambienti pubblici e privati.
I contenuti sono realizzati in collaborazione con il DI.PRO.VE.S.
(Dipartimento di scienze delle Produzioni Vegetali e
Sostenibili) - Area Protezione Sostenibile delle Piante e
degli Alimenti dell'Università Cattolica del Sacro Cuore
di Piacenza.

Una sezione in cui potrai trovare informazioni utili sul tema
dell’igiene ambientale e dedicata ad approfondimenti sulle
tecniche migliori per affrontare gli infestanti più diffusi
negli ambienti pubblici e privati.

Approfondimenti ::: Aree pubbliche e comunità ::: L’acaro della scabbia: il ritorno del parassita dell’uomo

04 Dic

L’acaro della scabbia: il ritorno del parassita dell’uomo

L’acaro della scabbia: il ritorno del parassita dell’uomo

L’acaro della scabbia (Sarcoptes scabie var. hominis) è tornato di attualità negli ultimi tempi in relazione anche ai fenomeni migratori, sempre più frequenti, verso il nostro paese.
Si tratta di un piccolo parassita lungo neanche mezzo millimetro, cieco, in grado di infestare l’Uomo provocando la rogna. Si insedia nella pelle, di solito nelle aree dove l’epidermide è più sottile, come i polsi, le zone tra le dita, ma anche dorso, ascelle, gomiti e aree genitali, formando piccole vescicole di colore grigio o rosato, di forma allungata.
Gli acari della scabbia producono secrezioni ed escrezioni che provocano manifestazioni allergiche; il soggetto colpito accusa un forte e persistente prurito, è portato istintivamente a grattarsi a lungo con la conseguente rottura delle vescicole e l’insorgenza di infezioni batteriche secondarie. La scabbia può non essere tempestivamente diagnosticata poiché in genere trascorrono sei settimane dall’infestazione prima della manifestazione di un forte prurito.
Gli acari, solitamente, si trasmettono da una persona all’altra mediante contatto diretto, ma anche, seppur meno frequentemente, tramite l’uso promiscuo di coperte o indumenti infestati. È più probabile che la diffusione avvenga a causa della permanenza in luoghi chiusi e sovraffollati, in ambienti pubblici con scarso livello igienico oppure al ritorno da viaggi internazionali.
L’infestazione si propaga piuttosto velocemente poiché la specie compie una generazione ogni 2 settimane.
L’acaro della scabbia infesta anche animali domestici; si tratta di ceppi specifici diversi da quelli che abitualmente contagiano l’uomo. In caso di trasmissione animale-uomo, l’infestazione per l’uomo è di entità minore e non persistente.
La diagnosi di scabbia deve essere effettuata da un dermatologo. È molto importante che tutti i soggetti colpiti si sottopongano a trattamenti idonei, che vanno estesi anche ai familiari o altre persone con cui sono venuti in contatto.
L’acaro non vive a lungo se allontanato dal corpo umano, ma è buona prassi lavare a temperature superiori ai 60 °C gli indumenti di soggetti colpiti dall’infestazione. Anche i trattamenti di disinfestazione degli ambienti aiutano a debellare l’infestazione. Si consiglia di trattare le superfici con un prodotto abbattente - come lo sono le piretrine naturali - e residuale (permetrina o deltametrina).

è stato utile?

Si
No
Grazie per per aver lasciato un feedback.
Hoops! riprova in un secondo momento.

Potrebbero interessarti anche

05 Lug La mitigazione del rischio 27 Mag L'importanza dell'entomologo in ambito di progettazione ambientale o strutturale 03 Mag Cambiamenti climatici: l'aumento delle temperature e l'effetto sugli insetti pronubi
Copyr PCO | Portale dedicato alla disinfestazione

Richiedi
l'intervento
di un
operatore
abilitato

Se non sei ancora seguito da
un'azienda specializzata, segnalaci il
problema e ti metteremo in contatto
con un professionista e/o rivenditore abilitato.

 

segnala un problema

Copyr PCO | Portale dedicato alla disinfestazione

Iscriviti alla
newsletter

Complimenti!
registrazione effettuata con successo.
Riceverà un email di conferma al sui indirizzo di posta elettronica.
Hoops!
Si sono verificati dei problemi durante la registrazione.
Riprova in un secondo momento!

Se il problema persiste invia un email a copyrpco@copyr.it