L'aziendaArea DocumentaleApprofondimentiNovitàFaqContatti
Copyr igene ambientale Copyr igene ambientale
Copyr PCO | Portale dedicato alla disinfestazione

CAMPUS Copyr: Approfondimenti

Una sezione dedicata ad approfondimenti sugli infestanti più
diffusi negli ambienti pubblici e privati.
I contenuti sono realizzati in collaborazione con il DI.PRO.VE.S.
(Dipartimento di scienze delle Produzioni Vegetali e
Sostenibili) - Area Protezione Sostenibile delle Piante e
degli Alimenti dell'Università Cattolica del Sacro Cuore
di Piacenza.

Una sezione in cui potrai trovare informazioni utili sul tema
dell’igiene ambientale e dedicata ad approfondimenti sulle
tecniche migliori per affrontare gli infestanti più diffusi
negli ambienti pubblici e privati.

Approfondimenti ::: Abitazioni ::: Vespe e calabroni: che cosa fare quando si viene punti?

03 Ago

Vespe e calabroni: che cosa fare quando si viene punti?

Vespe e calabroni: che cosa fare quando si viene punti?

Le vespe e i calabroni, così come le api, sono Imenotteri sociali che hanno una struttura particolare, detta pungiglione o aculeo, che serve come strumento di offesa e difesa. L’insetto infatti punge solo quando si sente minacciato.

Mettere incautamente una mano in un ciuffo d’erba, tra le fronde di un cespuglio, toccare un cancello metallico in cui ci sono foriche comunicano con spazi interni cavi, appoggiarsi a un corrimano inferiormente concavo, aprire una persiana dove soprattutto certe vespe (Polistes) possono aver fatto il loro piccolo nido tra le traversine (e per questo motivo poco visibile) può provocare la reazione di qualche individuo, che, per difendere la colonia, attacca pungendo.

Va menzionato anche che Vespa crabro (il vero calabrone) è attirata dalla luce, pertanto può volare anche di notte diventando un potenziale pericolo d’estate per le persone che si trovano in vicinanza di luci artificiali (lampioni, locali pubblici, case ecc.); inoltre la quantità di veleno che questa specie è in grado di iniettare durante la puntura, essendo maggiore rispetto a quella delle altre vespe, può provocare reazioni allergiche.

In generale si tratta di un’esperienza dolorosa per nulla gradita ma, nella maggior parte dei casi, non pericolosa. Sono principalmente le persone predisposte a reazioni allergiche o già sensibilizzate da una precedente puntura a correre un rischio vero. Temibile è anche, ricevere contemporaneamente decine od oltre un centinaio di punture pur non essendo allergici, (evento non raro ad esempio nel caso di agricoltori che arando danneggino senza accorgersene un nido di vespe (Vespula) ubicato nel terreno, perché in tal caso è facile che l’individuo sia assalito contemporaneamente da un nugolo di individui), poiché il veleno di questi imenotteri è molto tossico e potenzialmente letale in quantità elevata. Gli effetti modesti e solo locali che in genere una puntura di vespa o d’ape causa sono legati alla modestissima quantità di veleno introdotta con una singola puntura.

Inoltre, è necessario fare anche una distinzione a seconda delle zone del corpo in cui si viene punti: se la puntura si verifica all’interno della bocca, del naso o nelle vicinanze degli occhi si possono verificare situazioni più problematiche, se invece si viene punti sulle mani oppure sulle braccia di solito il tutto si risolve con un gonfiore e un dolore più o meno intenso ma transitorio.

Vespe e calabroni hanno un pungiglione simile con una particolare configurazione: presenta una seghettatura non ad arpione. Questo comporta il fatto che l’insetto non riesce a infilare il pungiglione troppo a fondo nella pelle ed è in grado di ritrarlo velocemente, per cui raramente l’aculeo rimane conficcato nella nostra pelle, contrariamente a quello che succede quando si viene punti da un’ape.

Ad ogni modo, escludendo le persone allergiche che conoscono la loro condizione e dovrebbero essere attrezzate con il kit salvavita per automedicazione d’emergenza secondo leprescrizioni mediche, per tutti gli altri le punture di vespidi devono essere trattate come “una ferita pulita minore” e quindi disinfettate. L’applicazione locale di ghiaccio o acqua fredda può servire ad attenuare il dolore perché causa vasocostrizione e riduce la reazione infiammatoria conseguente alla puntura stessa. Per alleviare il dolore si può ricorrere d’altra parte a pomate specifiche reperibili in tutte le farmacie.

Va da sé che, se il gonfiore causato dalla puntura è eccessivo e soprattutto se un soggetto ignaro di avere una specifica sensibilizzazione allergica percepisce sintomi particolari e preoccupanti (difficoltà respiratoria, sensazione di mancamento per collasso, ecc.), è necessario raggiungere con urgenza il più vicino pronto soccorso o chiedere l’intervento immediato di personale sanitario, specificando le motivazioni della richiesta.

è stato utile?

Si
No
Grazie per per aver lasciato un feedback.
Hoops! riprova in un secondo momento.

Potrebbero interessarti anche

16 Dic Sapevi che la riproduzione di ratti e topi cambia in ambiente antropizzato? 11 Nov Le blatte e la loro avversione verso i formulati in gel 26 Ago l’insetto: da ombra a presenza fastidiosa
Copyr PCO | Portale dedicato alla disinfestazione

Richiedi
l'intervento
di un
operatore
abilitato

Se non sei ancora seguito da
un'azienda specializzata, segnalaci il
problema e ti metteremo in contatto
con un professionista e/o rivenditore abilitato.

 

segnala un problema

Copyr PCO | Portale dedicato alla disinfestazione

Iscriviti alla
newsletter

Complimenti!
registrazione effettuata con successo.
Riceverà un email di conferma al sui indirizzo di posta elettronica.
Hoops!
Si sono verificati dei problemi durante la registrazione.
Riprova in un secondo momento!

Se il problema persiste invia un email a copyrpco@copyr.it