L'aziendaArea DocumentaleApprofondimentiNovitàFaqContatti
Copyr igene ambientale Copyr igene ambientale
Copyr PCO | Portale dedicato alla disinfestazione

CAMPUS Copyr: Approfondimenti

Una sezione dedicata ad approfondimenti sugli infestanti più
diffusi negli ambienti pubblici e privati.
I contenuti sono realizzati in collaborazione con il DI.PRO.VE.S.
(Dipartimento di scienze delle Produzioni Vegetali e
Sostenibili) - Area Protezione Sostenibile delle Piante e
degli Alimenti dell'Università Cattolica del Sacro Cuore
di Piacenza.

Una sezione in cui potrai trovare informazioni utili sul tema
dell’igiene ambientale e dedicata ad approfondimenti sulle
tecniche migliori per affrontare gli infestanti più diffusi
negli ambienti pubblici e privati.

Approfondimenti ::: Abitazioni ::: Infestanti del cambio stagione: le tarme della lana

12 Nov

Infestanti del cambio stagione: le tarme della lana

Infestanti del cambio stagione: le tarme della lana

Tineola bisselliella è nota col nome comune di "tarma chiara dei panni", a causa del colore marroncino chiaro uniforme. Gli adulti appaiono in aprile-maggio e le femmine, dopo essersi accoppiate, depongono sul substrato una cinquantina di uova. Questa specie può compiere un ciclo completo in circa due mesi in ambiente molto favorevole, vale a dire con una temperatura di 25-28°C e umidità relativa del 75%. In condizioni totalmente sfavorevoli, la durata dello stadio larvale può arrivare fino a 4 anni.
Nelle abitazioni, riscaldate nei mesi invernali, le larve non bloccano il loro sviluppo e proseguono la loro attività trofica ai danni di manufatti realizzati con materiale di origine animale quali la lana, la seta, le pellicce. Pertanto risultano a rischio di infestazione: indumenti, tappeti, coperte, arazzi, cuscini, materassi, pellicce.
L’attività delle larve comporta erosioni o fori più o meno irregolari nei materiali attaccati. Quando attaccano pellicce, le larve erodono la base dei peli portandoli al distaccamento completo, determinando così aree spoglie più o meno estese a seconda dell’entità dell’infestazione. In genere il danno è estetico in quanto difficilmente si sviluppano infestazioni molto grandi, ma ovviamente è sufficiente un buchino per rovinare il proprio maglione di lana preferito.
Una volta giunte a maturità, le larve abbandonano il substrato alimentare per cercare un luogo adatto nei muri o in crepe di mobili, ove annidarsi e trasformarsi in adulto.
È una buona pratica, prima di riporre indumenti, coperte, tappeti, ricorrere alla loro pulizia mediante lavaggio anche a secco oppure spazzolatura ed esposizione al sole seguita dall’imballaggio in sacchetti di plastica perfettamente chiusi. Questo consente di proteggere i materiali da eventuali attacchi. Si possono utilizzare prodotti antitarme naturali come repellenti, che emanano un aroma sgradito alla Tineola.
In caso di infestazioni, invece, si consiglia di effettuare un’accurata pulizia e intervenire con mezzi chimici utilizzando sostanze a bassa tossicità per l’uomo, quali ad esempio piretroidi, per il trattamento degli ambienti infestati.
È consigliabile anche effettuare azioni di monitoraggio mediante gli appositi cartoncini collanti innescati con sostanze attrattive, i feromoni.

è stato utile?

Si
No
Grazie per per aver lasciato un feedback.
Hoops! riprova in un secondo momento.

Potrebbero interessarti anche

16 Dic Sapevi che la riproduzione di ratti e topi cambia in ambiente antropizzato? 11 Nov Le blatte e la loro avversione verso i formulati in gel 26 Ago l’insetto: da ombra a presenza fastidiosa
Copyr PCO | Portale dedicato alla disinfestazione

Richiedi
l'intervento
di un
operatore
abilitato

Se non sei ancora seguito da
un'azienda specializzata, segnalaci il
problema e ti metteremo in contatto
con un professionista e/o rivenditore abilitato.

 

segnala un problema

Copyr PCO | Portale dedicato alla disinfestazione

Iscriviti alla
newsletter

Complimenti!
registrazione effettuata con successo.
Riceverà un email di conferma al sui indirizzo di posta elettronica.
Hoops!
Si sono verificati dei problemi durante la registrazione.
Riprova in un secondo momento!

Se il problema persiste invia un email a copyrpco@copyr.it